LOADING...

Benvenuti a Palazzo Mediceo

patrimonio mondiale unesco

EVENTI IN PRIMO PIANO Tutti gli eventi sono a cura di Fondazione Terre Medicee

VISITARE PALAZZO MEDICEO

Palazzo Mediceo di Seravezza, Patrimonio Mondiale Unesco all’interno del sito seriale delle Ville e giardini Medicei, ospita al piano terra la Biblioteca Sirio Giannini, al II e ultimo piano si trova il Museo permanente del Lavoro e delle tradizioni Popolari della Versilia Storica, mentre il I piano o Piano Nobile ospita eventi espositivi e di vario genere.
Durante l’anno è possibile visitare Palazzo Mediceo in occasione dei vari eventi,  seguendo l’orario di apertura degli stessi.  Nei restanti periodi dell’anno il Palazzo può essere visitato prenotando il servizio di visita guidata.

I NODI DELLA TUTELA

Scuderie Granducali di Seravezza
dal 22 ottobre 2016 all'8 gennaio 2017

I nodi della tutela. Percorso per un recupero della memoria collettiva.
A
 cura della Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali della Regione Sicilia
curatrice Dott.ssa Claudia Giordano.

Frammenti della Memoria
Ente patrocinatore Università di Catania.

sabato ore 16.00  Inaugurzione

Memoria d'arte. Il simbolo e il messaggio

Mostra retrospettiva di
GUIDO CAGETTI
“Memoria d'arte. Il simbolo e il messaggio”

SERAVEZZA – PALAZZO MEDICEO
Patrimonio Mondiale Unesco
29 ottobre 2016 – 8 gennaio 2017

“Guidone illumina Querceta”
Anteprima della Mostra di Palazzo Mediceo

PALAZZO CIVICO QUERCETA
27 ottobre 2016 – 8 gennaio 2017

scarica l'invito

scarica il filmato

 

 

RASSEGNA TEATRO SCUDERIE GRANDUCALI

Raccontare per far rivivere

direttore artistico Elisabetta Salvatori

 

Rinnovo vecchi abbonamenti  -  dal  24 ottobre fino al 5 novembre 2016
(chiuso il 31 ottobre e il 1 novembre)


Nuovi abbonamenti  -  dal 7 al 19 novembre

SINGOLI BIGLIETTI
dal 21  novembre fino al 7 aprile
possibilità di acquistare i singoli biglietti di tutta la stagione teatrale

 

guarda tutti gli eventi

PALAZZO MEDICEO

PATRIMONIO MONDIALE UNESCO

La Villa Medicea di Seravezza, è un complesso architettonico costituito dal Palazzo, le Scuderie, la Cappellina e il giardino. Presenta caratteristiche e funzioni diverse rispetto alle altre Ville Medicee toscane; infatti allo sfarzo degli interni e degli esterni, la Villa di Seravezza contrappone un’estrema semplicità. Si tratta di una scelta stilistica legata probabilmente alla sua funzione: non era concepita come una vera e propria dimora, ma come una casa o casino. L’edifico principale del complesso mediceo è il Palazzo costruito tra il 1561 e il 1565 per volere di Cosimo I de’ Medici, Granduca di Toscana, come residenza temporanea durante le frequenti visite alle cave di marmo e alle miniere di argento. Rimase per molti anni la residenza estiva dei Medici e successivamente degli Asburgo-Lorena e di altre famiglie nobili toscane fino all’Unità d'Italia, quando il palazzo divenne sede del Municipio e tale rimase fino al 1967. Riconosciuto nel 2013 Patrimonio Mondiale dell’Umanità e inserito nel sito seriale delle “Ville e Giardini Medicei della Toscana”, è oggi un polo culturale dove si svolgono importanti esposizioni d’arte e di fotografia e rassegne teatrali, è sede del Museo del Lavoro e delle Tradizioni Popolari della Versilia Storica, della Biblioteca Comunale e dell’Archivio Storico.

leggi di più

CITTÀ DI SERAVEZZA

Le prime notizie storicamente documentabili su Seravezza risalgono al 1040, anche se le tracce della presenza dell’uomo sulle Alpi Apuane sono antichissime (risalgono al Paleolitico Medio). In questi luoghi si susseguirono le civiltà dei Liguri Apuani, degli Etruschi e dei Romani. Proprio a questi ultimi si devono numerose opere: in primo luogo la razionalizzazione territoriale resa attraverso la centuriazione, poi le bonifiche territoriali che permisero l’ottimizzazione della viabilità e dell’agricoltura (da ricordare l’introduzione dell’olivo e della vite) e lo sfruttamento delle risorse minerarie del ferro, del piombo e dell’argento, nonché l’attività estrattiva del marmo.

scopri tutto

©2015 Fondazione Terre Medicee, Tutti i diritti riservati.